Gruppo Azione Costiera | Pensare europeo
16129
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16129,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-7.7,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive

Pensare europeo

PENSARE EUROPEO

Il FEP, uno strumento a supporto dell’ambiente e dell’economia

I territori e le comunità costiere europee si trovano ad affrontare, in questa epoca, importanti sfide legate all’ormai evidente necessità di tutelare l’ambiente marino e le sue risorse da un lato e favorire uno sviluppo sostenibile socio economico locale dall’altro. La crisi delle attività tradizionali legate alla pesca, la preoccupante contrazione  delle risorse ittiche, l’equilibrio biologico assolutamente precario in cui sopravvivono alcune specie, il degrado in cui verte l’ambiente acquatico ed il pericolo che incombe sull’ecosistema marino nel suo complesso, sono aspetti da non sottovalutare e da affrontare con efficacia.

Non solo, il mercato della pesca e dell’acquacoltura ha subito importanti mutamenti negli ultimi anni: il 60% dei pesci, molluschi e crostacei consumati dagli europei è importato da paesi esterni all’Unione europea e l’acquacoltura sta assumendo un rilievo sempre maggiore a livello mondiale.

Le politiche comunitarie a sostegno del settore, iniziate con il Fondo Europeo per la Pesca – FEP (uno strumento finanziario che l’Unione europea ha costituito nel periodo 2007-2013), attraverso il finanziamento di numerosi progetti (volti a stabilire un equilibrio tra le risorse e la capacità di pesca, proteggere e valorizzare l’ambiente e le risorse naturali, sostenere la competitività e la redditività economica del settore, migliorare la qualità della vita nelle zone di attività di pesca, promuovere la parità tra uomini e donne che lavorano nel settore), proseguiranno la loro attività di supporto al comparto, per il periodo 2014-2020, grazie al Fondo per la Politica Marittima e della Pesca dell’Unione Europea (FEAMP).

 

Fonte:

http://ec.europa.eu/ – Fondo europeo per la pesca Istruzioni per l’uso 2007-2013

AGIRE LOCALE
PENSARE EUROPEO

Il Gruppo di Azione Costiera risponde alle esigenze specifiche del suo territorio

In questo contesto, l’anello di congiunzione tra le opportunità messe a disposizione dal FEP e la realizzazione di opere ad esse connesse in uno specifico territorio, non può che essere un organo che affondi le sue radici nel territorio stesso, che ne conosca profondamente la storia, le dinamiche economiche e sociali, i punti di forza e  le criticità, un organismo che sia in grado di pianificare le azioni nella propria realtà per priorità, con efficacia e tempestività.

Il GAC, Gruppo di Azione Costiera, risponde pienamente a questa necessità offrendo supporto e guida ai Comuni e ai piccoli operatori di settore anche attraverso la creazione, insieme alle Associazioni di Categoria, di tre Centri Servizi sul territorio e mettendo in rete conoscenze e competenze necessarie per rendere esecutive le opportunità offerte dalla programmazione europea. Il GAC è uno strumento che favorisce il dialogo ed il coordinamento tra tutti i soggetti locali che sono disposti a condividere le proprie competenze ed esperienze a vantaggio della propria terra e del proprio mare. In questo modo il GAC promuove e favorisce lo sviluppo sostenibile della pesca ed opera per il recupero, lo sviluppo e la valorizzazione di questo importante settore di mercato.